Orvieto, Civita di Bagnoregio e Lago di Bolsena

Home // Orvieto, Civita di Bagnoregio e Lago di Bolsena

Programma di viaggio

Giorno e orari del Tour: Sabato dalle h. 08:00 alle h. 21:00 (pranzo escluso)

 

08:00   Ritrovo presso la sede di TailorTrips

08:15   Partenza dalla sede di TailorTrips

08:30   Pickup Hotel Valdinievole

11:00 Arrivo ad Orvieto e visita guidata della città ( incluso tempo libero per shopping e pranzo, non inclusi )

15:00 Partenza per Civita di Bagnoregio

15:30 arrivo a Civita di Bagnoregio per visita del borgo

17:00 circa Partenza per il Lago di Bolsena

17:30 circa arrivo al Lago e breve sosta in punto panoramico

18:00 Partenza per il rientro ed arrivo in Valdinievole previsto intorno alle ore 21:00

 

Prezzo

A partire da

149

Informazioni

La quota comprende:

  • Pickup dall’hotel o dalla sede di TailorTrips
  • Transfer in minivan (9 posti) per tutta la durata del tour
  • Visita guidata ad Orvieto
  • Visita di Civita di Bagnoregio
  • Breve sosta presso punto panoramico sul Lago di Bolsena
  • Rientro in hotel o presso la sede di Tailor Trips
  • Nostro accompagnatore per tutta la durata del tour
  • Assicurazione medico – bagaglio

La quota non comprende:

  • i pasti
  • eventuali mance, extra di carattere personale o acquisto di prodotti locali
  • quanto non indicato alla voce “la quota comprende”

 

Il presente tour è soggetto a modifiche ed a riconferma al momento della prenotazione.
Tutti i nostri prodotti sono completamente personalizzabili su richiesta

 

Breve descrizione visita guidata di Orvieto:

La visita inizia dalla Rocca Albornoz, costruita per volere del cardinale Albornoz nel 1364, nel tentativo di ripristinare il dominio papale durante il periodo di permanenza dei Papi ad Avignone. Restaurato nel XV secolo, poi rovinato nel corso dei secoli, l’interno è ora utilizzato come giardino pubblico. Vicino ai giardini si trova il famoso Pozzo di San Patrizio, il cui nome deriva, secondo alcuni, dall’usanza dei frati di fermarsi in fondo al pozzo per potersi purificare dalle loro colpe (a imitazione delle pratiche mistiche del patrono dell’Irlanda), secondo altri questo nome deriva dalla somiglianza con la grotta dove il santo irlandese si ritirava in preghiera. Scavato per volere di papa Clemente VII nel 1529 su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane, doveva garantire un approvvigionamento idrico sicuro alla città in caso di assedio. Una singolare struttura cilindrica profonda 62 metri con due rampe, una per la discesa e una per la salita, ha permesso di non ostacolare le persone e gli animali che venivano qui per attingere acqua.Attraverso Via Postierla si raggiunge la luminosa Piazza del Duomo, per ammirare una delle più grandiose creazioni architettoniche medievali in Italia: la Cattedrale di Orvieto (dedicata a S. Maria Assunta) che fu commissionata da Papa Nicola IV nel 1290. Percorrendo Via del Nel Duomo, tra negozi, botteghe di prodotti tipici e luoghi caratteristici, si raggiunge la Torre del Moro, una torre civica medievale e da qui a Piazza della Repubblica, probabilmente un antico foro etrusco e romano, su cui si affaccia il grandioso Palazzo Comunale, costruito nel il XIII secolo e rinnovato nel XVI secolo su progetto di Ippolito Scalza. Lo sfondo della piazza è la Chiesa di S. Andrea, un primitivo edificio paleocristiano eretto sui resti di un’area sacra etrusca. L’attuale chiesa, appartenente al XII secolo, fu ristrutturata e rifatta tra il XIV e il XVI secolo, mentre il restauro della facciata e il campanile medievale del dodecagono accanto ad essa risalgono al 1926. L’interno, diviso in tre navate da recupero colonne orientali in granito, ospita numerosi affreschi della scuola di Orvieto del XIV e XV secolo, un pulpito con decorazioni a mosaico esterno e il monumentale sepolcro dei Magalotti, opera dei seguaci di Arnolfo di Cambio. Ad un’estremità della scogliera si trova la chiesa fortificata di San Giovenale, uno degli edifici medievali più suggestivi e antichi di Orvieto. L’interno romanico è diviso in tre navate da colonne di tufo, ricoperte da un vasto ciclo di affreschi del XII e XIV secolo. Ritornando in Piazza del Duomo è possibile completare il tour con una visita ai musei che lo sovrastano: il Museo Claudio Faina, il Museo Archeologico Nazionale (allestito nel primo Palazzo Papale), il Palazzo Soliano che ospita al piano terra l’Emilio Museo Greco e Museo dell’Opera del Duomo.

Gli altri utenti hanno visto anche:

Translate »